0

Il tuo Carrello è vuoto

Scienza

I prodotti T·NES vengono realizzati sulla base di una solida e continua ricerca scientifica universitaria (es. Università di Roma Tor Vergata) e federale (es. FITri, Federazione Italiana Triathlon).

Dalla letteratura scientifica è noto che segnali elettromagnetici di un certo tipo aumentino significativamente la tolleranza all’ipossia in pazienti post-infarto, hanno delle forti proprietà agiogenetiche e riducono fortemente il fattore di rischio cardiovascolare.

 

Test su cavie

La prima sperimentazione ha coinvolto un totale di 300 topi con lo scopo di monitorare la performance e contemporaneamente la funzionalità cardiopolmonare.

Il Rotarod Performance Test è un test bin cui viene utilizzato un cilindro ruotante in cui si testa la capacità degli animali di rimanere in equilibrio e muovere le zampe in modo coordinato. Il test fornisce delle misure obiettive riguardo l’equilibro, la coordinazione, la condizione fisica, il patter motorio e la coordinazione motoria. Il vantaggio di questo test è che crea una variabile continua e misurabile che può essere utilizzata per quantificare gli effetti di diverse condizioni. Il test è computerizzato, quindi non si basa sul giudizio soggettivo di un operatore.

Il Rotarod è stato eseguito all’interno di una camera metabolica che ha permesso la misurazione della percentuale di consumo massimo di ossigeno (V02MAX), la frequenza cardiaca massimale (HRMAX) e di calcolare la soglia aerobica (velocità aerobica massimale, MAV) per ogni tipo di allenamento.

 

Tipologie di allenamento eseguiti:

  • Steady State Training (SST)
  • Low Intensity Steady State Training (LISST)
  • Steady State Split Session Training (SSSST)
  • High Intensity Endurance Training (HIET)

 

Gruppi:

  • Gruppo A: Device Attivo, N=100 topi
  • Gruppo B: Placebo, N=100 topi
  • Gruppo C: Nessun Device (controllo), N=100 topi

Nei gruppi A e B il dispositivo è stato aderito alla pelle del topo poco tempo prima del Test di Rotarod. Tutti gli esperimenti sono stati riprodotti 3 volte, indipendentemente. Non si è osservata alcuna differenza tra i gruppi B e C, perciò i dati da entrambi i gruppi sono stati uniti nella stessa colonna nel grafico in basso.

Infine, dopo che tutti e 3 i test sono stati eseguiti, alcuni dei topi del gruppo A sono stati scelti casualmente per eseguire ulteriori test: tomografia computerizzata del cuore, ecocardiogramma, analisi del sangue e istologia muscolare.

 

Risultati:

I risultati di questo studio si sono allineati con le aspettative basate sulle osservazioni pilota. Solo i topi del Gruppo A hanno mostrato un aumento marcato del consumo massimale di ossigeno (VO2MAX) e della soglia aerobica, la quale è stata più alta nel protocollo SST. Complessivamente, il device ha aggiunto un 30-35% di aumento nella performance globale.

Importante è il mancato ritrovamento di patologie o disturbi in ognuno degli screenings post-allenamento dei topi.

 

Grafici:

  • Barre di sinistra: Gruppo A, sperimentale. N=100
  • Barre di destra: Group B, di controllo (placebo) + C (senza dispositivo). N=200

Almeno 100 osservazioni± SD. Statisticamente significative (P< 0,05) aumento del VO2MAX (**) riportato in confronto al gruppo di controllo (*)

Il diagramma mostra un aumento del VO2MAX nel gruppo A (sx) in ogni tipo di allenamento eseguito.

 

Almeno 100 osservazioni± SD. Statisticamente significative (P< 0,05) aumento del MAVmax (**) riportato in confronto al gruppo di controllo (*)

Il diagramma mostra un aumento del MAV nel gruppo A, ciò significa che il Gruppo A ha cominciato a produrre acido lattico approssimativamente alla velocità di 20km/h, mentre il Gruppo B e C alla velocità di 11-12 km/h, in ogni tipo di allenamento eseguito.

 

muscolo-standar-placebo

Muscolo standard, dopo 2 settimane di allenamento con Placebo

T-NES-2w-LISST

Sistema T-NES, dopo 2 settimane di allenamento con LISST

T-NES-2w-HIET

Sistema T-NES, dopo 2 settimane di allenamento con HIET

Tomografia del cuore dopo l'utilizzo del sistema T·NES

tomografia-t-nes

 

Ecocardiogramma dopo l'utilizzo del sistema T·NES

eco-t-nes

Grazie all’Università di Tor Vergata, Università di San Raffaele, Università di Haybusak, Università di Catania e all’IRCSS S. Lucia, Roma. (S. Altobello et al. International Journal of Biomedical Materials Research, 2018)

 

 

Test su Atleti

Lo studio è stato condotto su 60 atleti maschi (triatleti agonisti) con un’età media di 27.63 ± 1.54 anni, un peso medio di 77.23 ± 1.90 kg e un BMI (Body Mass Index) di 23.73 ± 0, 91.

I soggetti sono stati sottoposti, dopo 3′ di riscaldamento, a 6 prove totali (3 con placebo e 3 con il dispositivo), sette giorni di distanza l’una dalle altre, di 10, 20, 30, 40 e 50′ di corsa a 9km/h con un dislivello incrementale del 0.5% ogni 10′, utilizzando un Technogym® Myrun treadmill (Technogym® SpA Via Calcinaro 2861 47521 Cesena, FC). La frequenza cardiaca espressa in battiti al minuto è stata monitorata tramite un cardiofrequenzimetro Polar M460 (Polar Italy), mentre i livelli di lattato, espressi in mmol/L, sono stati misurati utilizzando un dispositivo LACTATE PRO 2 (Arkray ™ Global Business.inc, Kyoto, Japan). Il lattato e la FC sono stati misurati nel minuto di aumento di dislivello. Durante il periodo di test nessun atleta ha utilizzato il device T·NES, che è stato utilizzato solo i giorni di test.

 

I valori della FC, diminuiti grazie al sistema T·NES durante i test, sono stati di:

  • 7% – 10′
  • 6,16% – 20′
  • 6% – 30′
  • 4,25% – 40′
  • 7% – 50′

Notiamo una media del 6.5% di riduzione della frequenza cardiaca. Solo ai 40′ (4.25%) si vede una deviazione dalla media.

I valori riguardanti il lattato invece sono:

  • 27,63% – 10′
  • 13,50% – 20′
  • 11,80% – 30′
  • 13,74% – 40′
  • 12,65% – 50′

Nel caso del lattato solo ai 10′ (27,63%) si nota una deviazione dalla media del 13% di riduzione dei valori.

(A. Johrian et al., Reduction by a Nanotechnology Device of Serum Lactate Levels and Heart Rate in Athletes Undergoing to Resistance Exercises, Journal of Biomaterials, 2018)

 

 

Dati dagli atleti professionisti

Ciclista Professionista, Team San Gemini-MGK Vis, strumento utilizzato per il sondaggio: “Super Op”, in verde i giorni in cui è stato utilizzato T-NES POWER. FC= Heart rate.

 

 

Pugile Professionista, sessione di guanti, due settimane con placebo

due settimane dopo con T-NES POWER

 

 

Pugile Professionista, frequenza cardiaca sotto stress, con placebo.

Pugile Professionista, frequenza cardiaca sotto stress, con T-NES POWER.

 

 

Test su Triatleta su tapis roulant, corsa a 12 km/h con aumenti incrementali di 0,5 km/h ogni 5′. A sinistra con T-NES POWER e a destra con Placebo. 

 

 

Test su Ciclista, bici, 150 watt per 5′, poi 200 watt per 5′ e picco finale. A sinistra con Placebo, a destra con T-NES POWER.

 

Bibliografia

  • Altobello, A. Filippone, L. Grillo, A. De Martino , S. Beninati, A. Pumpo. Improved Endurance Gain in BALB / C Mice by a Nanotechnology Medical Device. International Journal of Biomedical Materials Research. 2018;6(1): 13-19.
  • Johrian Ara, De Martino Angelo, Beninati Simone, Pumpo Alessandro. Reduction by a Nanotechnology Device of Serum Lactate Levels and Heart Rate in Athletes Undergoing to Resistance Exercises. Journal of Biomaterials. 2, No. 1, 2018, pp. 16-19.doi: 10.11648/j.jb.20180201.14
  • Crescentini, The epistemological bases of the biological information system. SIMPLE Editor. 2011.
  • Crescentini, “Complex Magnetic Fields as broadcasting of bioactive information”. MP&BN Editor, 2013.
  • Lim S, Kim SC, Kim JY. Protective Effect of 10-Hz, 1-mT Electromagnetic Field Exposure Against Hypoxia/Reoxygenation Injury in HK-2 Cells. Biomed Environ Sci. 2015 Mar;28(3):231-4. doi: 10.3967/bes2015.032. PMID: 25800450
  • Hao CN, Huang JJ, Shi YQ, Cheng XW, Li HY, Zhou L, Guo XG, Li RL, Lu W, Zhu YZ, Duan JL. Pulsed electromagnetic field improves cardiac function in response to myocardial infarction. Am J Transl Res. 2014 May 15;6(3):281-90. PMID: 24936220; PMCID: PMC4058309.
  • Peng L, Fu C, Liang Z, Zhang Q, Xiong F, Chen L, He C, Wei Q. Pulsed Electromagnetic Fields Increase Angiogenesis and Improve Cardiac Function After Myocardial Ischemia in Mice. Circ J. 2020 Jan 24;84(2):186-193. doi: 10.1253/circj.CJ-19-0758. Epub 2020 Jan 9. PMID: 31915323.
  • Ma F, Li W, Li X, Tran BH, Suguro R, Guan R, Hou C, Wang H, Zhang A, Zhu Y, Zhu Y. Novel protective effects of pulsed electromagnetic field ischemia/reperfusion injury rats. Biosci Rep. 2016 Dec 5;36(6):e00420. doi: 10.1042/BSR20160082. PMID: 27780890; PMCID: PMC5137536.
  • Sadlonova J, Korpas J, Salat D, Miko L, Kudlicka J. The effect of the pulsatile electromagnetic field in children suffering from bronchial asthma. Acta Physiol Hung. 2003;90(4):327-34. doi: 10.1556/APhysiol.90.2003.4.6. PMID: 14708875.
  • Kwan RL, Wong WC, Yip SL, Chan KL, Zheng YP, Cheing GL. Pulsed electromagnetic field therapy promotes healing and microcirculation of chronic diabetic foot ulcers: a pilot study. Adv Skin Wound Care. 2015 May;28(5):212-9. doi: 10.1097/01.ASW.0000462012.58911.53. PMID: 25882659.
  • DiCarlo AL, Farrell JM, Litovitz TA. Myocardial protection conferred by electromagnetic fields. 1999 Feb 16;99(6):813-6. doi: 10.1161/01.cir.99.6.813. PMID: 9989968.
  • Emilio Del Giudice, Giuseppe Vitiello Role of the electromagnetic field in the formation of domains in the process of symmetry-breaking phase transitions; PHYSICAL REVIEW A 74, 022105 2006
  • Del Giudice, G. Preparata, M. Fleischmann QED coherence and electrolyte solutions; Journal of Electroanalytical Chemistry 482 (2000) 110-116
  • On the “Unreasonable” Effects of ELF Magnetic Fields Upon a System of Ions¸ E. Del Giudice, M. Fleischmann, G. Preparata†, Talpo†; Bioelectromagnetics 23:522-530 (2002).
  • Baldari U, Trattato di medicina dell‟informazione, omeostasi ed entropia vol II. Nuova Ipsa editore (2010).
  • C. Fuchs, K Gatterer, G. Holler and J. Woisetschläger, Dynamics of the floating water bridge,J.Physics D: applied physics, 41: 185502-06, 2008
  • Germano, V. Tontodonato, C. Hison, D. Cirillo and Francesco, P. Tuccinardi, Oxhydroelectric Effect: Oxygen Mediated Electron Current Extraction from Water by Twin Electrodes, R. Germano, V. Tontodonato, C. Hison, D. Cirillo and Francesco, P. Tuccinardi, 2012, PROMETE Srl – CNR
  • E Del Giudice, Stefanini, A. Tedeschi, G. Vitiello, The interplay of biomolecules and water at the origin of the active behavior of living organisms; Journal of Physics: Conference Series 329 (2011) 012001
  • Clegg, S., The Cell architecture, in Fröhlich, H., Kremer, F., eds., Coherent Excitations in Biological Systems, Berlin, H. Springer Verlag, pp. 162-177, 1983.
  • Del Giudice, Antonella De Ninno, Martin Fleischmann, Giuliano Mengoli, Marziale Milani, Getullio Talpo, and Giuseppe Vitiello Coherent Quantum Electrodynamics in Living Matter; Electromagnetic Biology and Medicine, , Vol. 24, No. 3 : Pages 199-210, 2005
  • Fröhlich, S. Verlag, Biolgical Coherence and Response to External Stimuli; Berlin Heidelberg 1988.
  • Liboff , The „cyclotron resonance‟ hypothesis: experimental evidence and theoretical constraints, In. Norden B, Ramel K, editors.: Interaction mechanisms of low-level electromagnetic fields in living systems. New York: Oxford University Press; 1992. p. 130–47.
  • Muncie JM, Weaver VM. The Physical and Biochemical Properties of the Extracellular Matrix Regulate Cell Fate. Curr Top Dev Biol. 2018;130:1-37. doi: 10.1016/bs.ctdb.2018.02.002. Epub 2018 Mar 21. PMID: 29853174; PMCID: PMC6586474.
  • Theocharis AD, Skandalis SS, Gialeli C, Karamanos NK. Extracellular matrix structure. Adv Drug Deliv Rev. 2016 Feb 1;97:4-27. doi:10.1016/j.addr.2015.11.001. Epub 2015 Nov 10. PMID: 26562801